Come configurare i numeri VOIP per dispositivi mobile Android e iOS

Questa guida illustra come configurare uno o più account VOIP (semplici numerazioni geografiche oppure interni telefonici) direttamente sul proprio smartphone o dispositivo mobile, con riferimento ai sistemi operativi più comuni, ovvero Android e iOS. In più, vengono descritti i molteplici vantaggi di questa soluzione, sempre più apprezzata sia in ambito business che per la gestione della semplice telefonia domestica.

Il VOIP: dalle nuove funzioni al numero fisso sullo smartphone

La tecnologia VOIP deve il suo successo alla grande versatilità che la caratterizza: questo tipo di telefonia permette di veicolare le informazioni vocali che compongono le telefonate, ma anche le videochiamate, attraverso una qualunque rete basata su protocollo IP (da qui il termine VOIP, ovvero Voice over IP); dal momento che le conversazioni si spostano dalla classica rete PSTN, a quella ADSL oppure alla LAN (Local Area Network) che connette una serie di strutture, automaticamente diventa possibile sfruttare tutti i dispositivi in grado di collegarsi ad internet per ricevere ed effettuare chiamate.

Grazie agli operatori telefonici che gestiscono la telefonia digitale in Italia, acquistare una nuova numerazione geografica (ovvero con prefisso) oppure effettuare la portabilità di un numero fisso analogico al VOIP è semplicissimo. I vantaggi di questa soluzione sono ben noti: un numero VOIP riceve ed effettua telefonate verso rete mobile e fissa, sia nazionale che internazionale e la qualità delle conversazioni non cambia rispetto ai sistemi tradizionali.

Le tariffe applicate per le chiamate in uscita, invece, risultano molto più convenienti, specie verso le utenze estere, semplicemente perché i costi di gestione e manutenzione delle infrastrutture sono molto contenuti nel caso del VOIP.

Se i privati scelgono la telefonia digitale per risparmiare sulla bolletta, le aziende lo fanno per ottimizzare i costi e incrementare la produttività: grazie a sistemi un tempo impensabili, come il centralino virtuale, oggi una realtà comune e di semplice utilizzo, ad uno stesso numero possono essere associati più interni, così da dotare ciascuna delle postazioni di lavoro di un ufficio con un proprio recapito telefonico. Invece che con complesse cablature e ingombranti apparecchi, tutte le linee vengono gestite con pochi click su un pannello di configurazione al quale si accede tramite browser.

Si risparmia così sui lavori di allestimento delle infrastrutture, si ha modo di spostare o aggiungere nuove postazioni con l'ausilio di un semplice cavo ethernet e soprattutto si riducono i tempi necessari per la gestione di queste attività.

Se amministrare la fonia aziendale, impostando segreterie telefoniche e deviazioni di chiamata, nel giro di pochi minuti oppure effettuare conversazioni tra gli interni in maniera del tutto gratuita (anche quando dislocati in sedi distanti chilometri e chilometri) sono tra le motivazioni principali che hanno spinto imprese di ogni dimensione e settore di attività a passare al VOIP, va detto che oggi sempre più utenti colgono il vantaggio di poter rispondere al numero aziendale (oppure a quello di casa) anche tramite computer, tablet o smartphone.

Le utenze VOIP, infatti, possono essere utilizzate con un telefono SIP, ovvero un apparecchio simile in tutto e per tutto ai telefoni tradizionali, ma studiato appositamente per la fonia digitale, come pure utilizzando un softphone, ovvero un software gratuito per computer come X-Lite, oppure una semplice applicazione mobile.

Quando si configura un account VOIP sullo smartphone, automaticamente si aggiunge alla possibilità di ricevere ed effettuare chiamate tramite la SIM, quella di fare lo stesso con il numero fisso dell'ufficio o di casa propria: senza alcun costo aggiuntivo, se non quello delle normali tariffe proposte dal proprio gestore, si ha modo di lavorare e rispondere al fisso in qualunque momento, anche mentre si è fuori sede o si sta viaggiando, con il semplice ausilio della connessione dati oppure di una rete Wi-Fi.

Se si configura il proprio interno VOIP su un dispositivo mobile Android o iOS, i colleghi potranno raggiungere il numero sempre gratuitamente. In più, per telefonare all'estero oppure continuare a chiamare anche una volta esaurito l'eventuale minutaggio gratuito offerto dal contratto flat con il proprio gestore mobile, con un semplice tap si potrà scegliere di passare all'uso della linea VOIP.

Guida all'impostazione di account VOIP su Android e iOS

Configurare un numero VOIP su un dispositivo Android o iOS è un'operazione che richiede pochi minuti. La diffusione dell'impiego della fonia digitale tramite smartphone ha spinto Google ad integrare direttamente nell'aggiornamento 6.0.1 del suo sistema operativo la possibilità di impostare account VOIP sui dispositivi Android.

Per chi utilizza smartphone iOS (iPhone) o desidera disporre di maggiori funzioni per la gestione della numerazione (o delle numerazioni) è possibile ricorrere ad applicazioni disponibili gratuitamente negli store Google ed Apple come Zopier, uno dei sistemi più stabili e costantemente aggiornati.

Nella seguente guida alla configurazione, si fa riferimento agli step da seguire nel caso dell'operatore di telefonia VOIP Openvoip, che semplifica l'utilizzo delle numerazioni anche tramite dispositivi mobile consentendo di accedere rapidamente e in qualunque momento ai parametri necessari. Si ricorda che le indicazioni qui riportate rimangono comunque valide per tutti i principali provider.

Configurare un numero o un interno VOIP su Android 6.0

Nell'ordine:

1. Si accede al proprio account Openvoip già esistente tramite browser oppure si attiva un nuovo contratto visitando il sito del gestore (openvoip).

È utile ricordare che il provider offre soluzioni “naked”, ovvero semplici numerazioni prive di servizi aggiuntivi, pensate per le utenze domestiche, oppure pacchetti comprendenti le funzioni del centralino virtuale e quindi molteplici interni, studiati per l'uso aziendale.

2. Dopo aver effettuato il login all'area utenti di Openvoip.it si accede al proprio pannello di controllo. A questo punto, è possibile recuperare i 3 parametri necessari per la configurazione, ovvero il codice utenza, la password e il SIP server. Per accedere a tali dati:

  • nel caso di account naked, è sufficiente cliccare sulla voce “Parametri di configurazione”;
  • nel caso di account con centralino virtuale, si accede all'area “Centralino” e si seleziona la voce “Interni”. Qui, scorrendo la lista degli interni associati al proprio account VOIP, si sceglie quello di interesse.

I parametri utili sono quelli evidenziati in rosso, come nell'esempio sotto riportato.

3. Dallo smartphone, si accede all'area “Funzione telefono”. Qui, dalla schermata “Impostazioni” si seleziona “Account di chiamata”. Sul display compare la dicitura Account SIP con accanto un simbolo “+”, che permette l'aggiunta di nuovi account. Tappando sul simbolo, compariranno sullo schermo una serie di campi da riempire con i parametri recuperati in precedenza (codice utenza/nome utente, password e SIP server). Una volta inseriti e ricontrollati i dati, si seleziona l'opzione “Salva”. Ciascuna utenza aggiunta in questo modo può essere attivata o disattivata dalla schermata “Account di chiamata” impostandola su “On” oppure su “Off”. Inoltre, Android offre la possibilità di impostare di default con quale sistema effettuare le chiamate. Selezionando la voce “Effettua chiamate con”, si può scegliere di:

  • chiamare sempre con la SIM;
  • chiamare sempre con l'account SIP (ovvero con il numero VOIP);
  • decidere prima di ogni chiamata.

Configurare un numero o un interno VOIP con Zoiper (su Android e dispositivi Apple come iPhone e iPad)

1. Si recuperano i parametri di configurazione associati al proprio numero o interno Openvoip come descritto nel precedente caso. Gli unici dati richiesti dall'app Zoiper sono il codice utente e la password.

2. Si accede al Play Store oppure all'App Store e si procede all'installazione dell'applicazione “Zoiper” sul proprio smartphone. 

3. Si seleziona la voce “Menù configurazione” (simboleggiata dal piccolo ingranaggio), quindi la sezione “Accounts” e il tasto “+”, per aggiungere una nuova utenza all'app.

4. Nella lista degli operatori fornita dall'app si seleziona il proprio gestore (in questo caso, Openvoip). A questo punto, si procede inserendo solamente il codice utenza e la password. Se i dati forniti sono corretti, un simbolo di spunta segnala il buon esito della configurazione. Con l'aggiornamento 6.0.1, Android ha integrato di default i codec necessari per ottimizzare le comunicazioni SIP e offrire la migliore qualità possibile per quanto riguarda l'audio delle chiamate. Nel caso dell'app Zopier invece, l'integrazione del codec G729 è disponibile solo a pagamento (per un costo di 5 euro circa). Di contro, l'app consente di amministrare nel modo desiderato la propria numerazione VOIP, ad esempio impostando deviazioni di chiamata o modalità di attesa nel caso di utenza occupata, anche nel caso di contratto naked (ovvero privo delle medesime funzioni, offerte però dal centralino virtuale).